Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Topics - alex

871
Racconti & aneddoti / Importanza di una vitina
« il: 16 Gennaio 2014, 09:09:30 »
Di Claudio Falanga, da moto-ontheroad.it:

Uno degli elementi più importanti, se si parla di affezionarsi alla propria moto, è senza dubbio il servizio post vendita.

La possibilità di non doversi sobbarcare tanti chilometri per portare il ferro a fare un tagliando, la disponibilità di ricambi o l’abilità del personale di una concessionaria possono influenzare notevolmente non solo l’acquisto ma anche la fidelizzazione ad un Marchio o ad un modello.
Per questo, racconterò un episodio che mi è successo una quindicina di anni fa e che incrinò profondamente il mio “sentire” il mio meccanico di fiducia come un vero e proprio dispensatore di autentiche Verità, perché mise in discussione il rapporto di stima che avevo per lui.
Ovviamente non dirò di quale Casa motociclistica sto parlando, né tantomeno in quale concessionaria della mia città si verificò l’episodio, anche se sono sicuro che molti concittadini potranno intuirlo da soli.
Il periodo è la fine degli anni ’90, quindi profondamente diverso dall’attuale, in cui quasi nessuna persona che lavora si può permettere di spendere tranquillamente e con disinvoltura per una passione come la motocicletta.
Portavo la moto a tagliandare regolarmente ogni 10.000 chilometri, e facevo cambiare in concessionaria anche le gomme. Roba da brividi, a pensarci oggi, che le gomme si va a cercarle usate fuori dalle piste o in interminabili maratone notturne su internet.
Compravamo abbigliamento e protezioni tecniche del Marchio, benché carissime anche per l’epoca, fiduciosi in una indubbia superiore qualità e durata, anche perché per una coppia appena sposata come eravamo io e mia moglie ogni fine settimana, ogni giorno di vacanza, significava qualche bella girata in moto!
Portai allo scoccare dei 40.000, così la moto a fare il tagliando; ed ero abituato a spendere, al ritiro, cifre importanti. Ricordo ancora che il salasso fu notevole: fra oli, filtri, gomme e altro, fra cui una mano d’opera incredibilmente a peso d’oro, spesi più di 800.000 lire. Per capirci, era la stessa cifra che costava un casco modulare del Marchio, assolutamente all’avanguardia per il periodo, il primo che si poteva aprire con una mano sola. Ma ripeto, eravamo tranquilli che, data l’affidabilità del mezzo e la fiducia nell’officina della concessionaria, non avremmo avuto nessun tipo di problema o di spesa per i prossimi 10.000 chilometri.
Riprendemmo così la moto ma, al momento di metterci il casco, mi accorsi che mancava una piccola vite a brugola della marmitta. Rientrai in officina e chiesi se avessero qualcosa da metterci. Il capo officina mi portò in magazzino, aprì degli esplosi al computer e trovò in due secondi la vitolina esatta, cosa che non mancò di suscitare la mia ammirazione.
Sparì mezzo minuto dietro gli scaffali, portandomi a topino morto la bustina con la vite. Ringraziai, e non volendo offendere con la ridicola richiesta di quanto spendessi (considerato anche il salasso di pochi minuti prima) il mio gesto con il palmo della mano aperta alzata e rivolta verso di lui fu come a significare “grazie, facciamo i conti alla prossima..”; il gesto con la mano del capo officina fu invece quello simile, ma con il palmo della mano che imita il frenare ripetuto brevemente due volte e che significa “aspetta”!
Aprì un’altra pagina del computer e sentenziò, mentre inviava un meccanico a installare nel modo corretto la vite: “sono 4.000 lire”.
Ovviamente non mi scomposi, pagai quello che dovevo e uscii dall’officina salutando.
Però l’episodio, benché minimo e all’apparenza insignificante, cambiò radicalmente il mio modo di pensare al concessionario e di conseguenza al Marchio in questione. Mi ero sentito non più come un privilegiato che ha da spendere per qualcosa di bello e che merita tutta la mia fiducia, ma come un pollo da spennare.

Se la sola cosa che ti interessa di me e della mia passione è la mia capacità di spendere, allora non credo più che tu mi stia offrendo un servizio ineccepibile benché costoso o che tu venda un oggetto migliore di altri. Se sono un limone da spremere allora comincerò a cercare difetti in quello che compro, e a meno di una miopia patologica ne troverò senz’altro, e comincerò a chiedermi se il prezzo che pago vale davvero la differenza di qualità.
Ovviamente non fu quell’episodio di minuteria a farmi vendere la moto in questione. La vita quando si ha trent’anni cambia radicalmente a volte in pochi mesi, e la nostra moto per viaggiare in coppia fu sostituita con altre, perlopiù per fare il cretino da solo o con gli amici nei rari momenti di libertà fra un pannolino merdoso e un altro.
Fu così al momento di ritirare un’altra moto da un altro concessionario dopo un tagliando, qualche anno dopo l’episodio della brugola che mi trovai in una situazione identica.

Feci presente la mancanza ad un meccanico che si mise a razzolare con un dito dentro una scatolina di cartone, estraendone infine una vite uguale alla mancante. La presi, insieme alla chiave, e andai ad avvitarmela alla griglia dello scarico da dove era scappata la compagna.
Tornando a riportare la chiave chiesi al mecca: “cosa ti devo?”
lui rispose “che mi prendi per il culo?”.
“Va bene, vai, che ci sei domenica, si va verso Volterra?”
“Si vai, alle 9 al Piazzale Michelangelo!”

872
Accessori e attrezzature / Novità Touratech
« il: 15 Gennaio 2014, 15:34:34 »
La famosa casa non smette di sfornare accessori in grado di soddisfare le esigenze dei propri clienti, notoriamente costituiti da persone che non accettano limitazioni e chiedono sempre più soluzioni al grido di "lavoro-guadagno-pago-pretendo"




873
Drive in / Il Sogno, l'Illusione
« il: 14 Gennaio 2014, 19:49:13 »


Ne sei sicuro?


874
Drive in / Ho comprato il lampadario nuovo
« il: 13 Gennaio 2014, 23:30:09 »


Ma non ho ancora capito come si accende.



E non fatemi togliere anche questa.  :sig:

875
Drive in / Ehm...
« il: 09 Gennaio 2014, 23:45:35 »
La bici tiene in forma!  :arar:


876
Stradali / Però..sto 1190 ADV e l'assistenza KTM!
« il: 09 Gennaio 2014, 16:19:45 »
Complimenti!  sm409
Quasi copia e incolla da LC8.org:

3 gennaio:
Ragazzi, da stamattina quando accendo il mio Adv 1190 R mi appare la scritta "SERVIZIO" sul display del computerino e rimane acceso il triangolino giallo sul cruscotto. Usandola mi sono accorto che non funziona più il sensore cavalletto laterale - leva frizione (per capirci, la moto parte solo a folle, con la prima e la frizione tirata non si accende. Se però da accesa con marcia metto il cavalletto laterale la moto si spegne regolarmente). Dite che le due cose sono correlate? L'avevo parcheggiata prima di Natale in garage e non aveva nessun problema...

8 gennaio:
Aggiornamento: la scritta service dipende dal fatto che è cambiato l'anno e quindi per la moto c'è da fare il tagliando annuale (anche se non è vero, perché il tagliando dei 1500 lo ha fatto a luglio e adesso sto a 6900 km). Mi ha detto il conce che "non si può impostare il mese nel datario del service e che da Ktm faranno un'informativa". Per l'altro problema, invece, si è rotto il supporto del cavalletto laterale e dovrà essere cambiato in garanzia. Anzi, sarà un ulteriore richiamo di Ktm a breve. Solo che la disponibilità dei pezzi è dal 15 gennaio in poi, quindi come risultato finale mi ha legato il cavalletto con una fascetta e mi ha detto: "non usarlo mi raccomando, o ti ritrovi la moto in terra". Senza parole...

E mi accodo al "senza parole"  :tris:

878
Drive in / Non è un indovinello
« il: 09 Gennaio 2014, 10:12:22 »
Voglio solo sapere come si chiama quello coi baffoni, perchè me lo ricordo ma proprio non saprei chi possa essere


880
Stradali / SPOSTATO: special!
« il: 09 Gennaio 2014, 07:41:44 »

881
Moto GP/SBK ecc. / Ducati sta per scegliere la Open?
« il: 08 Gennaio 2014, 22:45:04 »
http://www.gpone.com/2014010812456/Rivoluzione-Ducati-si-punta-sulla-Open.html

Può essere una mossa giusta, una volta tanto  :57:
Chi deve rincorrere, e intanto andare avanti con quel che c'è, può misurarsi con le moto satellite, e non con le Factory, beneficiando oltretutto di diversi bonus per provare a diventare competitivi.
E poi tanto vale, così come sono ora, iniziare a lavorare nella direzione che, con tutta probabilità, assumerà l'intero carrozzone della GP, che Nakamoto lo voglia o no. Anche se per quest'ultima parte sarà dura e prevedo spettacolo  sm443

882
Filmati e foto / Indovinate questa!
« il: 08 Gennaio 2014, 22:15:33 »
Voglio vedere chi ci riesce!  :sig:

moto, pista, anno (abbastanza facile) e pilota (meno facile, almeno...spero!)  :57:


883
Accessori e attrezzature / Carrello: da guide a pianale?
« il: 08 Gennaio 2014, 16:47:25 »
Che voi sappiate, è possibile trasformare un TATS aggiornando la carta di circolazione previo relativo collaudo?
Non dico quanto a destinazione d'uso, vorrei solo sostituire le guide con un pianale, e poi rimontare gli archi ruota ed i ganci per le strop di fisaggio, lasciando immutate le quote e le masse per quanto possibile.

884
Filmati e foto / Il calcolo delle probabilità
« il: 08 Gennaio 2014, 11:32:07 »
quante sono, a livello statistico, le possibilità che due moto possano fare un frontale in mezzo al deserto? Eppure....

http://www.fuoriditesta.it/video-divertenti/scontro-frontale-nel-deserto.html

885
Moto d'epoca / icone.
« il: 07 Gennaio 2014, 20:39:38 »
Quell'impercettibile tuffo al cuore. Avete presente? Quello determinato una emozione che vive in voi da sempre, ed a volte non sapete neanche spiegarvene il perchè.

A me capita ogni volta che vedo un serbatoio con quell'ovale di alluminio a specchio



Eppure non l'ho mai avuta, l'unica Husqvarna passata per il mio garage aveva il serbatoio di plastica bianca. Ma se penso al motocross, vai a capirne la ragione, l'immagine è sempre e solo lei