Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Topics - alex

1862
Drive in / ODIO questo terreno!!! Quale?
« il: 06 Febbraio 2011, 20:40:33 »
Ognuno ha le sue predilezioni. O le sue idiosincrasie.
Io per esempio adoro il fondo morbido, fino all'estremo concetto di morbidezza dato dal fango.

Soffro invece in modo spropositato il fondo duro ricoperto da un bello strato di brecciolino. Finché si tratta di andare dritto nessun problema, la scodata di posteriore non mi crea alcun timore. Ma appena c'è da andare in curva la mia percorrenza è almeno doppia degli altri, e questo sia come "strada percorsa" sia come tempo impiegato.
Insomma, un ipotetico vantaggio accumulato altrove io me lo giocherei abbondantemente su curve di quel tipo.
Che per inciso sono il 99,9% del terreno che abbiamo qui da noi  sm41
Ed è proprio questione di strizza. Io sul brecciolino mi sono fatto male, ma male di brutto. E non riesco a superarlo.
Un po' temo, per lo stesso motivo, la pietra smossa nei tratti in discesa. Però psicologicamente quella è già più controllabile.

Voi invece dov'è che proprio non sopportate ad andare?

1863
Drive in / E son problemi....
« il: 06 Febbraio 2011, 18:26:46 »

1864
Aprilia / Uso e Manutenzione RXV
« il: 06 Febbraio 2011, 11:15:41 »
http://slorider.com/Aprilia/manuals/SXV%20RXV%20450-550%20Italiano%202006.pdf

Non il solito librettino cui siamo abituati. In realtà è quasi un vero e proprio manuale di officina. Grazie, Aprilia!!  :PDT_Armataz_01_37:

NB: Ocio, sono 9 Mb  :o

1865
Aprilia / RXV: specifiche tecniche
« il: 06 Febbraio 2011, 11:13:50 »
http://slorider.com/Aprilia/manuals/Specifications.pdf

Per sapere tutto, o quasi, su cosa c'è sulla vostra Apriliotta da guerra  :72:

sottolineerei che la candela raccomandata è la NGK CR8EB, modello alquanto diffuso e, quindi, facilmente reperibile presso un qualsiasi ricambista in modo molto meno costoso di tanti altri.

1866
Aprilia / Intervalli servizio RXV
« il: 06 Febbraio 2011, 11:10:18 »
http://slorider.com/Aprilia/manuals/ServiceIntervals.pdf

Fare la debita attenzione al distinguo tra manutenzione per uso "stradale", amatoriale e agonistico.

Considerare che la tabella disponibile è precedente agli accorgimenti adottati per ottenere intervalli di manutenzione che, in alcuni casi, risultano addirittura radoppiati. Quelli relativi alla sostituzione oli e liquidi in genere rimangono immutati.

1867
Aprilia / Tabella lubrificanti RXV
« il: 06 Febbraio 2011, 11:01:27 »
http://slorider.com/Aprilia/manuals/Lubricants.pdf

Interessante notare come in altri Paesi non sia consigliato l'uso dei prodotti Agip ma IP.  sm419

IMPORTANTE!
da rilevare che, come comunicatomi dal meccanico Aprilia e contrariamente a quanto riportato in alcune versioni dei manuali di uso e manutenzione, si raccomanda per il gruppo cambio/frizione un olio per differenziali ipoidi 75W/90.


Per l'olio motore, è tassativo che, indipendentemente dalla marca usata/preferita, vengano usati esclusivamente lubrificanti con specifiche CCMC G-4, API SG. SAE 10W/60

1869
Drive in / Le mie moto lo sanno da sempre
« il: 01 Febbraio 2011, 15:09:26 »
Se mi danno appena dei problemi le porto da un dottore che conosco, uno che le sistema una volta per tutte  :57:

http://www.youtube.com/watch?v=ioISoyl4R5E

1870
Notizie e curiosità / Contropromozione
« il: 01 Febbraio 2011, 14:47:12 »
http://gazzettino.it/articolo.php?id=136572

Per l'ennesima volta i decerebrati eroi del sabato tassellato ci mettono la loro e finiscono sul giornale.  sm41
Il bello è che non si tratta di ragazzacci, ma dei soliti fessi di oltre 50 anni.  sm419
Uno cammina coi tasselli sulle uova per contribuire ad una immagine diversa, e poi una volta ogni due mesi arrivano questi eroi (naturalmente in trasferta) e sputtanano quel che ancora rimaneva da sputtanare.
Neanche da dire, il punto in cui si erano andati a cacciare è off limit. Come pensassero di attraversare un sentiero in costa, perennemente in penombra e battuto dai venti, il 30 fi gennaio a 1500 metri di quota rimane, molto probabilmente, un mistero anche per uno psichiatra di quelli bravi.

1871
Percorsi ed aree autorizzati / Giretto tranquillo in Carnia
« il: 31 Gennaio 2011, 13:28:33 »
Girovagando ho trovato un percorso semplice ma (almeno sulla carta) totalmente lecito e percorribile in modo che la Bisex possa respirare quanto quel provolone che ci sta sopra.

E' un giro che ha partenza e conclusione ad Avasinis, sopra Trasaghis. niente di che, ma potrebbe, per quel che c'è intorno, valere una scarrellata fin lì per un'oretta si e no? C'è mica qualcosina da aggiungerci, per portarlo a 3-4 ore almeno?

http://connect.garmin.com/player/44919738

1872
VERO, scritto così, maiuscolo, perchè la AfricaRace si ripropone esattamente di rivivere quello che era la PD di tanti anni fa, quella dove si dormiva tutti assieme nelle tende, ci si scambiavano le chiavi combinate nella manutenzione serale, e in cui si va assieme sul percorso originario proprio della PD.

Organizzazione perfetta, anche per la formula RAID, che nella follia domenicale di fine gennaio è quella che mi ha acceso la lampadina.
Il costo da gitarella col TO (equivalente a quanto pagheremmo per una 15 giorni in Marocco) è proprio quella della tariffa RAID, cioè quella che attraverserà Marocco, Mauritania e Senegal senza l'assillo della classifica.

http://www.africarace.com/index.php?option=com_k2&view=item&layout=item&id=107&Itemid=44&lang=en

Quanto?
1500 per la moto
5000 per il partecipante.
Comprensivo di:
    * Sporting fees for the competitor(s)
    * Medical repatriation insurance back to Europe
    * Civil responsibility insurance of the organizers.
    * Accommodation and meals on the boat and in Africa (breakfast, packed lunch, dinner), except in Dakar
    * The mandatory safety material : Irritrack,
    * The prize-giving ceremony
    * Transport of the participants to Africa by ship (Europe / Morocco), *
    * Transport for the cars to Africa and back by ship (Europe /Morocco and Senegal /Europe), *
    * For the motorbikes and quads : fuel during the special stages
    * Insurance for the vehicles in Mauritania and Senegal

NON comprensivo di:
    * Visas for the countries crossed, depending on your nationality
    * Your international racing license from the FIM or FIA, obligatory for the race only
    * Cables, antennas and brackets for the Irritrack
    * Hotels and meals in the starting city during the scrutineering and in Dakar
    * Fuel for the duration of the rally
    * For bikes and quads, the optional transportation of a trunk and two wheels (500€)
    * The return journey for the participant from Dakar

E poi lamentatevi che vi tocca girare sempre a Pompeiana...  :hee20hee20hee:

1873
Notizie e curiosità / Ciclisti, cacciatori ed enduristi....
« il: 29 Gennaio 2011, 21:34:40 »
Uno posta una buona iniziativa su un forum di biciclettari e ne viene fuori di tutto e di più...

magari a puntate ma vale la pena leggersi tutta la discussione: molte volte certi punti di vista non li conosciamo, o si finge di ignorarli.... poi altri è meglio far finta di non averli sentiti del tutto, che l'imbecille di turno c'è in tutte le categorie  sm41

http://www.bike-board.eu/community/forum/showthread.php?s=328cabc872d0a3700540600c012fef8e&t=96464

1874
Filosofia motoalpinistica / Motoalpinismo = Trail ?
« il: 29 Gennaio 2011, 10:29:45 »
Trail. Secondo Wiki questa è la parola che in inglese corrisponde al nostrano Motoalpinismo.
La pagina relativa è questa http://it.wikipedia.org/wiki/Motoalpinismo ma per comodità di lettura/discussione coipo/incollo qui di seguito quanto riportato:

Motoalpinismo
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con il termine motoalpinismo (trail in inglese) si intende uno sport che è un misto tra l'enduro ed il trial. Questo sport consiste nel percorrere strade asfaltate, sterrate e magari qualche passaggio un po’ più difficile per raggiungere una determinata meta avendo superato magari dislivelli molto impegnativi.
Indice

    * 1 Caratteristiche
    * 2 La moto
    * 3 Il percorso
    * 4 Il pilota
    * 5 L'abbigliamento
    * 6 Precauzioni

Caratteristiche
La regola fondamentale del motoalpinista è il grande rispetto per la natura e l’ambiente che si va ad “invadere” per qualche ora e il rispetto delle altre persone che utilizzano il solito percorso con altri mezzi.

Il motoalpinista si deve anche fare carico, come buona regola civica, di segnalare alle autorità eventuali problemi o anomalie riscontrate durante il percorso.

La moto da motoalpinismo

La moto per il motoalpinismo deve avere delle caratteristiche specifiche prese da altre moto.

In comune con l’enduro:

    * essere targata
    * essere in regola con il codice della strada
    * avere una buona autonomia
    * avere una seduta comoda

In comune con il trial:

    * essere molto alta da terra
    * avere una discreta potenza alla ruota
    * avere una ridotta emissione sonora e dei gas di scarico
    * avere delle protezioni rinforzate per il motore e i leveraggi

Il percorso
Data la versatilità della moto, può essere molto vario; quando possibile è auspicabile usare la moto stessa per lo spostamento stradale invece che del traino su altro mezzo. È bene programmarlo in anticipo portandosi dietro cartine dettagliate e/o meglio ancora un navigatore satellitare.

Il pilota
Anche se c’è un motore che traina è bene che il pilota sia in buona forma fisica perché i percorsi fuoristrada spesso impegnano molto sia il fisico che la mente. È da evitare assolutamente l'improvvisazione: il motoalpinista deve avere buone conoscenze e pratica della guida motociclistica, fuoristradistica e del comportamento in situazioni potenzialmente pericolose anche se affrontate a piedi.

L'abbigliamento
L'abbigliamento è composto da elementi che devono avere come caratteristiche:

    * Casco: È consigliabile uno da trial che è molto leggero e con ottima visibilità che però non ha protezione per il viso per cui è bene portare gli occhiali e (se il modello lo permette) montare una mentoniera. Può andar bene anche un modello da enduro che è più protettivo ma anche più pesante e "soffocante".

    * Giubbotto: La scelta può essere per un modello già provvisto di rinforzi (spalle, gomiti, schiena) oppure per la classica pettorina da cross con un giubbotto leggero sopra.

    * Pantaloni: Quelli da cross vanno benissimo, l'importante è che sia fornito di ginocchiere.

    * Stivali: Sono consigliati quelli da trial che sono più confortevoli nel caso si dovessero fare dei piccoli trasferimenti a piedi (ricordando di ingrassarli sempre).

    * Guanti: Basta che siano ben rinforzati sulle dita e con un buon "grip" sul palmo.

Precauzioni
È norma fondamentale non avventurarsi da soli in percorsi che si allontanano molto dai centri abitati.

1875
Filmati e foto / Nico presenta Edy
« il: 28 Gennaio 2011, 10:01:03 »
http://www.youtube.com/watch?v=U3chEVB0Zx4

L'aneddoto del masso è abbastanza noto, la vittima numero uno fu Franco Picco. Orioli racconta anche di come fu difficile ripartire, perchè per fare in fretta si butto giù con tutta la moto e rimase con la gamba sotto.  :o