Autore Topic: L'annosa questione  (Letto 16840 volte)

Offline alex

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 29597
  • Quartier del Piave (TV)
    • Mostra profilo
L'annosa questione
« il: 22 Agosto 2016, 18:04:52 »
Ormai se n'è parlato in tutte le salse, ma effettivamente nessuno, finora, aveva posto quella domanda lì.
http://www.moto-ontheroad.it/blog/maxienduro/

Voi come rispondereste? Cioè, secondo voi, da quando hanno cominciato a prenderci per il culo?  :sig:
Fantic Motor TZ250 ES Scuderia Six Days
Aprilia SL1000 Falco "Zia Frankenstein"

Offline Bikerider

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 4850
    • Mostra profilo
Re: L'annosa questione
« Risposta #1 il: 22 Agosto 2016, 20:40:30 »
Sono perfettamente d'accordo col Kiddo.

Però voglio aggiungere che neanche quelle prima erano tanto adatte al fuoristrada, almeno non quello che non sia strada bianca o poco più.

Io l'A.T. seconda serie, in fuoristrada l'ho portata e ancora più del peso il limite lo trovai nelle sospensioni. Mi ricordo ancora quando nel fare un gradinetto in discesa nel bosco, mi sono ritrovato a picchiare col casco sul manubrio, causa cedevolezza forcella.

E prima, con l'XT era andata un po' meglio per via del peso minore, ma una volta che trovai un po' di neve, quel peso lo sentii comunque tutto, sia quando si intraversava, sia soprattutto quando l'ho dovuta tirare su da terra (neve).

Fatte le dovute proporzioni peso moto/peso (e altezza) pilota, che incidono, le enduro stradali tali sono sempre state, salvo modificarle pesantemente per gomme, sospensioni, alleggerimenti e modifiche varie. E perché poi? Visto che c'erano già enduro più specialistiche.

Con quelle moto lì ci potevi fare la via del sale dignitosamente e l'asfalto meno dignitosamente, per via delle vibrazioni, la scarsa velocità, il pochissimo riparo aerodinamico e la poca capacità di carico.

Per cui considerando che l'utente, complici le limitazioni in fuoristrada, si è sempre più spostato sull'asfalto, il desiderio di comfort ha evoluto (involuto?) il genere verso le crossover attuali, spingendo l'altra parte verso le offroad sempre più specialistiche.

Infatti quel che si lamenta sono le moto di mezzo, visto che di crossover e racing ce n'è a iosa.

Trovo abbiano senso per noi moto come il K 690 nel fare le cose che fa Bibo in altri Paesi e continenti, dove la proporzione asfalto/sterrato è magari speculare alla nostra, mentre qui personalmente se faccio fuoristrada voglio una cosa leggera e con buone sospensioni, se faccio strada la voglio comoda e capiente. Quello che sta in mezzo mi scontenta in entrambi gli usi.

In my opinion, obviously.







« Ultima modifica: 22 Agosto 2016, 20:44:06 da Bikerider »
If everything seems under control, you're just not going fast enough.

Honda CRF 450X - Dual Purpose
KTM 790 Adventure S - All Purpose

Offline kermit

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 7503
    • Mostra profilo
Re: L'annosa questione
« Risposta #2 il: 22 Agosto 2016, 23:34:15 »
Io stavo pensando giusto se valesse la pena per quelle tre volte che vado, una moto come il 690 con sella invivibile e altezza difficoltosa,  o ripiegare su qualcosa di più comodo... tanto enduro con quella... e magari affiancare una meno trial...
Comunque le strade bianche si fanno con qualsiasi mezzo...
Poi in base alla moto e al carico,  ci si diverte più o meno!
Cerchiamo di lasciare il mondo migliore di come lo abbiamo trovato!

Cagiva Elefant 750 monofaro- la regina

Offline Enzo

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 8563
    • Mostra profilo
Re: L'annosa questione
« Risposta #3 il: 23 Agosto 2016, 06:28:51 »
L' unico bicilindrico che mi ha sorpreso nel fuoristrada è stato un vecchio Morini 350 che mi aveva regalato un amico , la TA ha sempre avuto dei limiti nelle sospensioni e nella posizione di guida. Comunque credo si possa dire che dai anni 90 in poi le Enduro siano diventate più stradali, ma in fondo è giusto così.
Suzuki V-Strom 650
Vertigo Vertical R 3

Offline cota

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1734
    • Mostra profilo
Re: L'annosa questione
« Risposta #4 il: 23 Agosto 2016, 07:27:36 »
Per me è stata la Yamaha 600 Tenere a illudere che si potesse fare enduro con bisonte.
Sull' onda entusiastica della P/D sai quanti ne ho visti spalmarsi sul greto del Tagliamento.
Hanno sbagliato i giornalisti del settore a definirle così.

Offline bibo

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2727
  • Bello e Bannato
    • Mostra profilo
Re: L'annosa questione
« Risposta #5 il: 23 Agosto 2016, 11:58:49 »
Trovo abbiano senso per noi moto come il K 690 nel fare le cose che fa Bibo in altri Paesi e continenti, dove la proporzione asfalto/sterrato è magari speculare alla nostra, mentre qui personalmente se faccio fuoristrada voglio una cosa leggera e con buone sospensioni, se faccio strada la voglio comoda e capiente. Quello che sta in mezzo mi scontenta in entrambi gli usi.

Già, ma qua noi siamo un elite fortunata. Chi si può permettere una soloa moto per viaggiare magari anche offroad ed andare al lavoro che fa?

Personalmente, dopo anni in cui il Transalp 600 è rimasto il mezzo più equilibrato, ho trovato il baricentro perfetto nel KTM 640.

Il Transalp hanno smesso di farlo nel 2000, il 640 Adventure se non sabaglio nel 2006,  un mezzo equivalente nuovo nonn esiste
Le moto nuove sul mercato sono tutte sbilanciate in qualche modo verso una caratteristica a scapito delle altre. Per ora il 690 è il mezzo secondo me più vicino, ma se lo paragono al mio 640 per l'uso a 360°, vince solo in potenza, freschezza di progetto e conseguente "grado di affidabilità moderna" e vibrazioni. Per il resto il 640 Adv è ergonomicamente  più comodo, vibrazioni a parte è dinamicamente più comodo per via della migliore taratura della sospensioni, si può viaggiare in due, ha 600 km di autonomia e decente protezione aerodinamica, anche se alle volecità di crociera ie non serve un gran che.

Devo confessare che spero in una "dual" su base 390 di KTM, che riempia il buco di mercato lasciato da Suzuki con la mancata importazione del DRZ400

Ciao!

Bibo

In ordine di apparizione: TA600+K640AdV+K690E+TRide290+2*(Alp200)+Freeride250F+K790Adv

Offline kermit

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 7503
    • Mostra profilo
Re: L'annosa questione
« Risposta #6 il: 23 Agosto 2016, 23:33:56 »
Trovo abbiano senso per noi moto come il K 690 nel fare le cose che fa Bibo in altri Paesi e continenti, dove la proporzione asfalto/sterrato è magari speculare alla nostra, mentre qui personalmente se faccio fuoristrada voglio una cosa leggera e con buone sospensioni, se faccio strada la voglio comoda e capiente. Quello che sta in mezzo mi scontenta in entrambi gli usi.

Già, ma qua noi siamo un elite fortunata. Chi si può permettere una soloa moto per viaggiare magari anche offroad ed andare al lavoro che fa?

Personalmente, dopo anni in cui il Transalp 600 è rimasto il mezzo più equilibrato, ho trovato il baricentro perfetto nel KTM 640.

Il Transalp hanno smesso di farlo nel 2000, il 640 Adventure se non sabaglio nel 2006,  un mezzo equivalente nuovo nonn esiste
Le moto nuove sul mercato sono tutte sbilanciate in qualche modo verso una caratteristica a scapito delle altre. Per ora il 690 è il mezzo secondo me più vicino, ma se lo paragono al mio 640 per l'uso a 360°, vince solo in potenza, freschezza di progetto e conseguente "grado di affidabilità moderna" e vibrazioni. Per il resto il 640 Adv è ergonomicamente  più comodo, vibrazioni a parte è dinamicamente più comodo per via della migliore taratura della sospensioni, si può viaggiare in due, ha 600 km di autonomia e decente protezione aerodinamica, anche se alle volecità di crociera ie non serve un gran che.

Devo confessare che spero in una "dual" su base 390 di KTM, che riempia il buco di mercato lasciato da Suzuki con la mancata importazione del DRZ400

Ciao!

Bibo

Lugubro in questi giorni...
Cerchiamo di lasciare il mondo migliore di come lo abbiamo trovato!

Cagiva Elefant 750 monofaro- la regina

Offline Valchisun

  • Moderatori
  • Hero Member
  • *
  • Post: 29978
    • Mostra profilo
Re: L'annosa questione
« Risposta #7 il: 25 Agosto 2016, 19:29:32 »
Io dico che le case motociclistiche sanno benissimo dove andare a parare, devono fare utili e non pettinare le bambole, per fare cassa, devono propore moto premium con alti guadagni su ogni singola moto, l'unico affascinato da quelle moto ma che ha anche una buona capacita' di spesa e' il cinquantenne, che vuole una moto cha faccia figo, sia facile, e che, se gli viene il trip da viaggiatore, gli permetta di viaggiare in tutta comodita' con passeggera e valigie, la maxi enduro lascia pure una minima idea di potere mettere le ruote sullo sterrato, la maxi  che costa come un monolocale in centro soddisfa l'ego, e' la quadratura del cerchione, all'acquirente medio, che non ha mai fatto un metro di fuoristrada, non sembrera' vero di disporre di tutto questo bendiddio riassunto in una sola moto, nelle mani di un manico diventa pure una sportiva da pieghe, probabilmente ha ragione il Kiddo, la Yamaha Superténérè vecchio modello, riassumeva gia' questi tratti somatici, molto di piu' delle prima Gs/80 o Honda Transalp 600. Dire alle case motociclistiche che sbagliano, io non me la sento, fatelo voi... :SAD:

Ktm Super Duke 1290 R

Offline Valchisun

  • Moderatori
  • Hero Member
  • *
  • Post: 29978
    • Mostra profilo
Re: L'annosa questione
« Risposta #8 il: 25 Agosto 2016, 19:32:09 »
A me, comunque, non era mai piaciuta quella....




 :73:

Ktm Super Duke 1290 R

Offline alex

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 29597
  • Quartier del Piave (TV)
    • Mostra profilo
Re: L'annosa questione
« Risposta #9 il: 26 Agosto 2016, 15:48:55 »
la ST c'è chi tuttora la ama e chi, come me che l'ho avuta identica a quella in foto, la odia. Come tante moto.
Penso che l'inizio delcammino verso la moto da rincoglioniti eroici l'abbia proprio creato Honda con il suo modello avventuroso, una involuzione verso l'asfalto dalla RD03 alla 07 con un solo balzello finale per la ultima versione della RD07 che rguadagnò un paio di cm di escursione (ormai era una tourer con cisterna e mascheratura raid) mantenendo però il nuovo telaio votato alla strada.
Il perchè sta nel fatto che a molti di noi prenderlo  :mukka: piace, e Honda l'ha capito. Poi l'ha capito BMW, e via via tutti gli altri fino ai fondamentalisti del mono e tassello a 2T, leggasi KTM, che s'è votata al fatturato con stradali da eroe della Futa ultrapotenti e quasi da patente C. L'appellativo di superenduro, l'ha creato la stampa e nessuna casa si è sognata di contraddire, visto il numero di gonzi sognatori che sono corsi ad accaparrarsi le moto totali al costo di una Ford Focus.
Fantic Motor TZ250 ES Scuderia Six Days
Aprilia SL1000 Falco "Zia Frankenstein"

Offline Valchisun

  • Moderatori
  • Hero Member
  • *
  • Post: 29978
    • Mostra profilo
Re: L'annosa questione
« Risposta #10 il: 26 Agosto 2016, 16:28:50 »
Effettivamente la bravura di Ktm e' quella di avere stradalizzato molti enduristi, che sono passati dall'enduro estremo o dall'enduro "normale" alla prime Lc8 Adventure e poi alle serie successive di 1190, su quelle moto ci fanno gli utili, pur lasciando un listino prezzi meno esoso rispetto a Ducati ed a Bmw, dalla loro hanno pure quei pochi giovani ancora affascinati dalle moto e non dall'ultimo smartphone, con la serie delle piccole e grandi Duke, hanno tentato pure la strada delle Ducati carenate con la Rc8, ma non sono riusciti a fare breccia nell'utenza dei piegatori da passi o da circuito, non ho idea se ci proveranno dal prossimo anno con il V di derivazione Rc16 da MotoGp, visto che la Ducati sta' mandando in pensione il bicilindrico ad L sulle sue sportive carenate.
E' anche vero che la Ktm la maximoto da enduro vera de l'aveva gia'in listino, era la 950 Superenduro, ma l'ha tolta dopo pochi anni, nessuno la voleva quella, o, meglio, poteva guidarla in off soltanto uno come Gio' Sala o poco meno. Secondo me, manca proprio la volonta', ma anche il manico, per portare in off un mezzo da cento cavalli e duecento chili....

Ktm Super Duke 1290 R

Offline Valchisun

  • Moderatori
  • Hero Member
  • *
  • Post: 29978
    • Mostra profilo
Re: L'annosa questione
« Risposta #11 il: 26 Agosto 2016, 16:53:40 »
Supponiamo che siate "obbligati" ad acquistare una moderna maxi enduro stradale, o, ancora meglio, che ve la vogliano regalare, quale scegliereste tra queste?

La Regina delle vendite, Bmw R 1.200 Gs Adventure:



La concorrente italiana, la Ducati Multistrada 1.200 Enduro:



L'alternativa inglese, la Triumph Tiger 1.200 Explorer Xrt:



L'alternativa di Mandello del Lario, La Guzzi Stelvio 1.200 Ntx:




L'altra moto del Gruppo Piaggio, l'Aprilia Caponord 1.200 Rally:



L'ultima arrivata nipponica, la Honda Africa Twin Crf 1000 L:




anche se, per esattezza, andrebbe messa questa, visto la ruota anteriore da 19 e non da 21", Honda Vfr 1.200 X Crosstourer:




La piu' datata Yamaha Xt 1.200 Superténéré World Crosser Competition:



oppure la proposta austriaca, la Ktm 1.290 Super Adventure:




Non preoccupatevi, tanto mica ve le regalano sul serio.... :sig: :57:

Ktm Super Duke 1290 R

Offline vin-lap

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3378
  • Pordenone - FVG
    • Mostra profilo
Re: L'annosa questione
« Risposta #12 il: 26 Agosto 2016, 17:04:49 »
viste le dimensioni....
moto varie.....

Offline Fenix

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 83
    • Mostra profilo
Re: L'annosa questione
« Risposta #13 il: 26 Agosto 2016, 17:42:29 »
CRF 1000 Africa Twin
   Fenix

Offline bibo

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 2727
  • Bello e Bannato
    • Mostra profilo
Re: L'annosa questione
« Risposta #14 il: 26 Agosto 2016, 17:49:22 »
Se me la regalano prendo il meglio: KTM 1290 Adv. Pero assieme mi devono regalre 20 cm di tibie, peroni e femori

Ciao!

Bibo
In ordine di apparizione: TA600+K640AdV+K690E+TRide290+2*(Alp200)+Freeride250F+K790Adv