Autore Topic: Italia Padrona  (Letto 570 volte)

Offline alex

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 29619
  • Quartier del Piave (TV)
    • Mostra profilo
Italia Padrona
« il: 25 Aprile 2013, 14:09:10 »
Per poterlo affermare occorre però andare indietro di molti anni, e non solo per il motociclismo.  sm470
Da molti anni il motomondiale è dominato dai marchi giapponesi, contrastati da Aprilia e Ducati qualche anno fa e da KTM oggi, almeno nelle classi di rincalzo.
C’è stato invece un periodo, che va dall’inizio del Motomondiale nel 1949 fino ai primi anni ’60, in cui l’industria motociclistica italiana dominava la scena.
Nel 1957 fu toccato il vertice assoluto.
I titoli piloti andarono a Provini su Mondial 125, Sandford su Mondial 250, Campbell su Moto Guzzi 350 e Liberati su Gilera 500; i titoli per marche furono invece appannaggio di Mondial (125 e 250) e Gilera (350 e 500).
Le macchine italiane conquistarono tutti i GP compresi nel calendario del Motomondiale: un dominio assoluto ed indiscutibile.
Vittima principale di questa superiorità fu l’industria inglese; ad onor del vero i giapponesi non si erano ancora presentati all’orizzonte.




(i cilindrazzi non si vedono ma è una Guzzi  :arar: )

Poi, 25 giorni dopo il GP delle Nazioni dove l’industri italiana confermava la propria supremazia vincendo anche la classe sidecar con Milani su Gilera, arrivò il comunicato dello sciagurato patto di astensione di Gilera, Mondial e Moto Guzzi lasciando alla sola MV Agusta l’onere di difendere i colori italiani; due anni dopo i giapponesi faranno capolino al Tourist Trophy.
La prima crisi di settore aprì insomma la strada ai jappi.
Aprilia SL1000 Falco "Zia Frankenstein"

Offline Valchisun

  • Moderatori
  • Hero Member
  • *
  • Post: 30011
    • Mostra profilo
Re: Italia Padrona
« Risposta #1 il: 25 Aprile 2013, 16:36:38 »
I giappi copiavano e fotografavano qualsiasi cosa, me li ricordo benissimo quando da bambino mio padrino Laverdista Integralista mi portava al Salone di Millano, si infilavano con la testa sotto alle moto a fotografare ogni piu' piccolo dettaglio, le prime moto giapponesi erano delle copie conformi delle bicilindriche inglesi, poi dalla Cb 750 in poi non ebbero piu' bisogno di copiare.... :73: :73: :73:

Ktm Super Duke 1290 R