Autore Topic: KTM ADVENTURE TOURS PIEMONTE ENDURO  (Letto 3321 volte)

Offline alex

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 29619
  • Quartier del Piave (TV)
    • Mostra profilo
Re: KTM ADVENTURE TOURS PIEMONTE ENDURO
« Risposta #15 il: 18 Gennaio 2013, 22:20:11 »
Praticamente la legge piemontese è come la nostra, solo che invece di mappare hanno trovato più facile vietare tutto. Però sarebbe interessante vedere che ne penserebbero di un gruppo che si prendesse gratuitamente l'onere di mappare i sentieri censiti...  :72:
Aprilia SL1000 Falco "Zia Frankenstein"

Offline vin-lap

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3387
  • Pordenone - FVG
    • Mostra profilo
Re: KTM ADVENTURE TOURS PIEMONTE ENDURO
« Risposta #16 il: 18 Gennaio 2013, 22:28:05 »
Praticamente la legge piemontese è come la nostra, solo che invece di mappare hanno trovato più facile vietare tutto. Però sarebbe interessante vedere che ne penserebbero di un gruppo che si prendesse gratuitamente l'onere di mappare i sentieri censiti...  :72:
e cosa ne penserebbero se per "vietare" fossero costretti a piazzare centinaia di cartelli?
non sarebbe molto più comodo "delegare" la gestione della faccenda a questo gruppo? (purché non si a disponibile solo il CAI....)
moto varie.....

Offline trialperibosky

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 93
    • Mostra profilo
Re: KTM ADVENTURE TOURS PIEMONTE ENDURO
« Risposta #17 il: 04 Febbraio 2013, 17:29:44 »


Secondo me i comuni hanno la facolta' di designare dei percorsi fuori strada, non l'obbligo.

Quindi il comune che non fa nulla e' comunque a posto.

 :tris:
Beta Evo 300

Offline vin-lap

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 3387
  • Pordenone - FVG
    • Mostra profilo
Re: KTM ADVENTURE TOURS PIEMONTE ENDURO
« Risposta #18 il: 04 Febbraio 2013, 18:03:04 »


Secondo me i comuni hanno la facolta' di designare dei percorsi fuori strada, non l'obbligo.

Quindi il comune che non fa nulla e' comunque a posto.

 :tris:
hai ragione, ma per il codice della strada se il comune ( o un qualsiasi ente competente) vuole proibire il transito su un tratto di strada o sentiero deve segnalarlo con i cartelli stradali a norma di legge.....
i divieti "a zona" per la legge italiana sono validi solo se ci sono i cartelli all'inizio e agli incroci delle strade interessate.....

se anziché spendere per manutenzioni e cartelli potessero delegare a "gruppi volontari" il tutto sarebbero ben felici....

naturalmente se il gruppo fosse del Cai i divieti li metterebbe sicuramente,
se il gruppo fosse del motoclub sarebbe un altro discorso.....
moto varie.....

Offline alex

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 29619
  • Quartier del Piave (TV)
    • Mostra profilo
Re: KTM ADVENTURE TOURS PIEMONTE ENDURO
« Risposta #19 il: 04 Febbraio 2013, 18:46:05 »


Secondo me i comuni hanno la facolta' di designare dei percorsi fuori strada, non l'obbligo.

Quindi il comune che non fa nulla e' comunque a posto.

 :tris:

No in effetti. I Comuni DEVONO censire e mappare le strade da destinare all'uso della attività motoristica. Segnalandone l'uso per mezzo di cartellonistica specifica e identificandone il percorso sulle mappe comunali.
Visto che farlo costa, si utilizza il emzzo numero due, che è la scappatoia (illegale) di vietare tutto e morta là. Innanzitutto, sempre per il CdS DEVE esserci un cartello per ogni singola strada vietata (e quindi pgni accesso) e poi deve essere riportata assieme al divieto l'ordinanza del sindaco, con relativa motivazione. Si, perchè per quanto labile, la motivazione deve esserci anc'essa, non è che uno vieta "perchè non ho capito ma è così, e i fatti mi cosano"

Aprilia SL1000 Falco "Zia Frankenstein"

Online Valchisun

  • Moderatori
  • Hero Member
  • *
  • Post: 30011
    • Mostra profilo
Re: KTM ADVENTURE TOURS PIEMONTE ENDURO
« Risposta #20 il: 04 Febbraio 2013, 21:08:49 »
Il cartello puo' esserci all'inizio di un sentiero, ma uno puo' benissimo "inserirsi" nel sentiero da un altro sentiero laterale, come si puo' sapere che quello e' vietato? E' facilissimo opporsi con un ricorso a tutti quei cartelli per quel motivo, ovviamente pochi lo fanno perche' il ricorso al Giudice di pace dev'essere documentato e, in genere, redatto da un legale ben informato su quelle leggi!

Ktm Super Duke 1290 R

Offline trialperibosky

  • Jr. Member
  • **
  • Post: 93
    • Mostra profilo
Re: KTM ADVENTURE TOURS PIEMONTE ENDURO
« Risposta #21 il: 05 Febbraio 2013, 18:26:14 »
Ribadisco, secondo me il comune PUO',(quindi non deve)

Vedi legge quì sotto:

 5 - Individuazione di percorsi fuoristrada per mezzi motorizzati (L.R. 32/1982 art. 11, comma 3,
primo periodo)

"Il Comune, acquisito il parere dei succitati Enti, può quindi individuare, nell’ottica di salvaguardare
l’ambiente rurale e montano, nonché onde favorire una corretta fruizione ricreativa del territorio,
uno o più percorsi fuoristrada per mezzi motorizzati," ...etc

Sul fatto che debba mettere una segnaletica che identifica i sentieri vietati , siamo tutti d' accordo...

Io giro in moto con nello zaino la sentenza che equipara i sentieri e le mulattiere a strade ed in caso di necessita la faro' inserire nel verbale.... :tris:

Beta Evo 300

Offline alex

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 29619
  • Quartier del Piave (TV)
    • Mostra profilo
Re: KTM ADVENTURE TOURS PIEMONTE ENDURO
« Risposta #22 il: 05 Febbraio 2013, 19:40:50 »
E' corretto come dici, ma nell'altro senso  :93:
Ovverossia, se il Comune NON ne identifica allo scopo, i percorsi in territorio comunale sono TUTTi percorribili.
Aprilia SL1000 Falco "Zia Frankenstein"