Autore Topic: Aumentare la scorrevolezza della forca  (Letto 21339 volte)

Offline alex

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 29591
  • Quartier del Piave (TV)
    • Mostra profilo
Re: Aumentare la scorrevolezza della forca
« Risposta #15 il: 02 Dicembre 2010, 18:35:31 »
Avevo dimenticato questa discussione... perchè, per la cronaca, appena si è riabbassata la temperatura la forca ha ricominciato a lavorare proprio a modino  smche

Vuol dire che l'anno prossimo a giugno metterò un SAE 10.... o mi metterò a giocare all'alchimista per qualche densità intermedia. O chiederò al mecca  ;D
Fantic Motor TZ250 ES Scuderia Six Days
Aprilia SL1000 Falco "Zia Frankenstein"

Offline Coz

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1499
    • Mostra profilo
Re: Aumentare la scorrevolezza della forca
« Risposta #16 il: 08 Agosto 2011, 10:58:30 »
Ribadisco un mio intervento fatto da un'altra parte essendo questa la discussione più adeguata.

Per migliorare la scorrevolezza di circuiti idraulici, tra cui le forcelle, si può utilizzare questo prodotto:

http://www.sintoflon.com/prodotti/11/

Premetto che non l'ho mai usato e non so quanto serva, ma in caso di bisogno proverò a fare da cavia (se nessuno prova prima)! sm443

La confezione da 125 ml dovrebbe costare sui 15-20 euro.
Huskyna TE 125, motoscurreggetta da 15 hp sm403

Offline alex

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 29591
  • Quartier del Piave (TV)
    • Mostra profilo
Re: Aumentare la scorrevolezza della forca
« Risposta #17 il: 08 Agosto 2011, 12:09:00 »
il sintoflon è un prodotto a base del solito PTFE (di cui abbiamo abbastanza trattato in altro thread). Però lo conosco come riservato alle parti del motore e dello sterzo (nel caso sia servoassistito idraulicamente), visto che le componenti, e in particolare il "famoso" PTFE, abbassano drasticamente gli attriti e l'usura; secondo i loro dati, di massima usando il sintoflon combinato con l'olio motore ne consegue un abbassamento di 4-6-7 decibel di rumorosità, di 4-8 gradi di temperatura dell'olio, cala la potenza assorbita dalla trasmissione e ovviamente arrivano un po' di frazioni di cv in più alla ruota. Abbinato al liquido per idroguide, dovrebbe aumentare la scorrevolezza della parti in movimento e garantire più facilità d'uso e non meglio specificata facilità di manovra.
La durata degli organi conseguentemente, e in linea teorica, è molto maggiore e anche la manovrabilità migliora. Rimane la perplessità sulla sua tendenza a deositarsi nelle anse dei condotti. Mi viene in mente, per l'uso che proponi, cosa ne sarebbe degli ugelli del pompante  :o

Non dimentichiamo che specie su motori che hanno un ... curriculum lungo l'effetto iniziale è detergente! Quindi scolla le incrostazioni, che vanno nei relativi filtri dell'apparato in cui è stato messo. Questo su un motore può essere problematico (immagino il filtro olio bello intasato, magari appena messo e quindi con fiducia nella sua efficienza) ma ancor più per il piccolo filtrino a rete di un'idroguida. nelle forche poi di filtri non ce ne sono per niente... le particelle di ptfe che hanno aderito nelle porosità dei metalli resistono anche ai solventi di pulizia, mentre quella parte di teflon che restano in sospensione nell'olio che fanno e dove si depositano, finchè non si scarica tutto, di solito... dopo un anno?  :-\
 
« Ultima modifica: 08 Agosto 2011, 12:13:58 da alex »
Fantic Motor TZ250 ES Scuderia Six Days
Aprilia SL1000 Falco "Zia Frankenstein"

Offline Valchisun

  • Moderatori
  • Hero Member
  • *
  • Post: 29973
    • Mostra profilo
Re: Aumentare la scorrevolezza della forca
« Risposta #18 il: 08 Agosto 2011, 13:36:45 »
Per migliorare la scorrevolezza della forcella a volte e' sufficiente togliere i parapolvere, facendo attenzione a non rovinare la molletta che li tiene in posizione e mettere del grasso apposito, sulla Marzocchi Shiver della Aprilia Rxv trovo che la scorrevolezza sia eccezionale, sente anche le minime asperita', mi pare che si chiamino alte "velocita'" le piccole variazioni di escursione della prima parte di scorrimento della forcella, o mi sbaglio?

Ktm Super Duke 1290 R

Offline Coz

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1499
    • Mostra profilo
Re: Aumentare la scorrevolezza della forca
« Risposta #19 il: 08 Agosto 2011, 13:47:49 »
Di prodotti sintoflon ce ne sono vari, quello che deterge dalle incrostazioni è l'ET, che contiene anche una parte di protector, quello che crea il velo di fluoropolimeri a base di teflon che vanno a legarsi alle superfici metalliche.
Ma si può usare anche solo l'additivo protector, se il motore è nuovo o già deterso con ET o similari.

Per quanto riguarda l'occlusione da parte di depositi è un problema di prodotti scadenti, il teflon in eccesso è in paricelle molto più piccole delle porosità dei filtri olio e rimane in sospensione. Caratteristica utile perchè ha un'effetto autocicatrizzante, ovvero l'usura tende a staccane delle parti che finiscono in sospensione nell'olio per poi riattaccarsi in altri punti.
Per questo motivo è opportuno rabboccarne piccole quantità ad ogni cambio d'olio, per sopperire a quello che andrebbero buttato assieme all'olio esausto.

Comunque non sono un'esperto del prodotto, uso il protector (in abbondanza) sul DRZ che ha ormai 40.000 km e non ho mai avuto problemi, anzi!  :93:
Nonostante i dosaggi e rabbocchi generosi nessun problema ne alla frizione ne tanto meno ugelli olio intasati! :72:

Ogni tanto seguivo il topic di ELABORARE dedicato alla sintoflon in cui risponde l'azienda stessa  
http://www.elaborare.info/forum/vbulletin/showthread.php?t=43801
Non mi risultano utenti con problematiche, e l'utilizzo dell'Hidrodrive nelle forcelle era stato consigliato ad un utente in una delle quasi 700 sm443 pagine di discussione.

« Ultima modifica: 08 Agosto 2011, 13:51:32 da Coz »
Huskyna TE 125, motoscurreggetta da 15 hp sm403