Autore Topic: Prova della KTM Free Ride 2012  (Letto 11464 volte)

Offline Lamberto

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 7448
    • Mostra profilo
Prova della KTM Free Ride 2012
« il: 20 Maggio 2012, 19:49:58 »
Il 2012 segna finalmente l'entrata sul mercato in modo deciso di modelli dedicati al motoalpinismo, sono tre le moto disponibili da questo mese ognuna con le sue caratteristiche, ognuna con una scuola di pensiero diversa, vediamo nel dettaglio.
Ossa Explorer, è a mio avviso la prima vera moto dedicata al motoalpinismo, derivata dalla versione trial dalla quale mutua il telaio ed il motore, quindi risulta , essere una moto agile, leggera e stabile.
Scorpa T-Ride 2 T (o X-Ride Sherco) è la moto che si inserisce nel mezzo tra le moto da motoalpinismo, ha un telaio di dimensioni poco più grandi di una trial e si presta all'enduro estremo e ad un trial non esasperato.
KTM Free Ride, moto derivata dall'enduro con un passo un po più corto e la sella leggermente più bassa delle versioni racing. Il motore di buona cubatura e opportunamente preparato la rendono un'arma letale per l'enduro estremo.

Quindi fare una comparativa con questo scenario è impossibile perchè sono moto con caratteristiche di telaio e motore sensibilmente differenti tra loro.


A Montoso (CN) il buon Motaldo, che ringrazio pubblicamente per la disponibilità, ci ha permesso di provare la sua fiammante Free Ride, una delle moto più attese del panorama delle moto fuoristrada del 2012. Il prezzo a parte le spese di messa su strada è di 7.250 €, è omologata solo per il conducente.
La moto esteticamente è bella e originale e fuori dagli schemi  estetici delle racing della casa austriaca.
Come dicevo nella introduzione la Free Ride delle moto da motoalpinismo è quella più vicino alle moto da enduro e in effetti  dimensionalmente è leggermente ridotta rispetto ad una classica enduro.
Una volta in sella mi trovo a mio agio come sempre sulle KTM, la sella è in altezza qualche cm in meno rispetto alle EXC e tocco tranquillamente con i piedi per terra però mi rendo conto che per le persone sotto il metro e settanta la moto è altina.,
Le infrastrutture non danno nessun fastidio nello spostamento avanti e indietro, bella snella ci si sente subito a proprio agio, l’unico intervento che farei è la sostituzione del manubrio con uno più largo perché quello di serie è stretto (inspiegabilmente) ed avendo un braccio di leva più sfavorevole rende i movimenti più faticosi specialmente nei tratti più impegnativi.
Una volta in movimento si  apprezza subito la frizione che ha un comando leggerissimo come le trial, i freni sono ben dimensionati e modulabili, ma il pezzo forte di questa Free Ride è il motore, semplicemente eccezionale. Ha forza, non cede mai ma la forza la esprime con morbidezza senza mettere in crisi il pilota e la ciclistica. Ho provato a risalire un tratto con sassi smossi, gradini e senza utilizzare la frizione sono salito con facilità, anche nell’apri-chiudi del gas il motore riprende senza incertezze.
La trazione è ottima anche grazie al pneumatico da trial, con un Michelin X11 le prestazioni migliorerebbero ulteriormente. Complice della buona trazione sono le sospensioni che lavorano egregiamente, anche scendendo lungo un sentiero con piccoli e medi scalini il comportamento delle unità elastiche è stato ottimo assorbendo tutto con facilità.
Certo la taratura che permette queste performances a bassa velocità poi nei tratti veloci non possono dare il supporto che solitamente troviamo nelle enduro racing ma chi compra la Free Ride non cerca questo.
Quindi un buon progetto che sin da subito mostra un insieme armonico e proporzionato delle componenti, con questa moto ci possiamo permettere di endurare tranquillamente e di affrontare “l’impestato” sapendo di avere una buona alleata anche se non siamo al 100% della forma, comunque togliamoci dalla testa che con questa moto possiamo permetterci di fare tratti trialistici, questi possono farli quei fenomeni  che si vedono nei filmati pubblicitari che saprebbero farli anche con una Tènèrè. Questo perché come dicevo inizialmente le dimensioni ci sono ed anche il peso, 100 kg, non sono pochi se dobbiamo fare un tornantino secco in salita con magari dopo anche un bel gradino da 50 cm!

Questa le mie impressioni in sintesi:




Queste quelle di Valchisun:

Dopo averla vista e sopratutto "criticata" per il malfuzionamento della frizione, ecco che finalmente Motaldo ci ha permesso di accedere alla sua Ktm 350 Free Ride, dicendoci ovviamente di pulirci i piedi prima di salire....
La frizione sembra "finalmente" a posto, staccava perfettamente, con una dolcezza di azionamento tipica delle moto da trial!
Finalmente in sella, anche la "famosa" altezza sella tanto dibattuta adesso e' risultata essere a 90 cm. dal suolo (misurati!), dopo un necessario rodaggio ed un naturale abbassamento del precarico delle sospensioni, comunque per i "cavallo basso-dotati", 90 cm. sono ancora un'altezza considerevole per toccare agevolmete con entrambi i pedi a terra!
La moto parte con un solo leggero "tocco" sul bottoncino rosso di avviamento, per fortuna non esiste nessuna procedura di resettaggio dell'iniezione, come invece accadeva su alcune moto da enduro provate in precedenza, si schiaccia il bottone e basta!
Il motore ha una silenziosita' di scarico e di meccanica ottimale,nessun ticchettio di vavole o punterie varie, l' enorme esperienza motoristica della Ktm e' "palpabile",le marce entrano perfettamente e lo stacco della frizione (per ora...) e' perfetto,la moto e' strettissima anche di larghezza sella,niente e' di intralcio nella guida, si puo' arretrare con le gambe senza niente che intralci o che dia fastidio,non si avverte nemmeno la presenza dei due piccoli silenziatori di scarico, ho inziato a guidare la Free Ride in piedi sulle pedane, come fosse una moto da trial, e devo dire che il motore ai bassi regimi spinge proprio come una Montesa Cota 4 RT, la prima cortissima permette di procedere a bassissima velocita', si puo' gestire anche il colpo di gas per risalire una pietra o uno scalino in mezzo al sentiero, per poi disporre di un discreto allungo nei tratti meno accidentati e piu' scorrevoli, ovviamente se si inizia a guidare da "enduro", i cavalli a disposizione sono soltanto 26 e non oltre 40 del Exc 350 da cui e' derivato il motore, ma sono piu' che sufficienti se si vuole fare partire il posteriore della moto e "giocare" a fare i freerider come nei video promozionali dela moto, anche se non ci si chiama Despres o Blazusiak!Motaldo ha lasciato il copertone posteriore di serie, cioe' il Dunlop da trial gara con la camera d'aria, ed ha montato sull'anteriore una Dunlop Geomax da enduro gara, in modo da avere un buon compromesso di maggiore trazione sui sentieri a base di sassi che abbiamo nelle nostre zone ed una maggiore stabilita' ed aderenza sull'avantreno con la gomma da enduro!Il manubrio di serie e' eccessivamente stretto, costringe a guidare con i gomiti troppo vicini al busto, occorre montare un manubrio tradizionale da enduro, oppure anche un manubrio da trial per chi preferisce guidare quasi sempre in piedi sulle pedane!
I limiti sono, per chi non e' alto piu' di un metro e settanta, l'altezza sella ancora eccessiva che viene "mitigata" dalla snellezza della zona centrale della moto, mentre il tiro ai bassi "esagerato" del motore aiuta nei tratti piu' impegnativi percorsi anche a bassa andatura, l'iniezione non sembra un'iniezione, nel senso che non esiste on-off nella gestione del gas, e le sospensioni,oramai rodate, sono scorrevolissime anche sulle minime, il monoammortizzatore Wp dotato del famoso Pds senza link, ha un'ottima taratura di serie, molto frenato in estensione e che contribuisce a dare una grande aderenza e motricita' sui sassi smossi e bagnati del sentiero su cui si e' svolta la prova, anche la forcella "parte" bene e contribuisce alla stabilita' della moto, nonostante un'avancorsa ed interasse molto piu' ridotti rispetto ai modelli da enduro-gara, la moto e' caricata sull'anteriore e alta di posteriore, e la cosa contribuisce a rendere sicuro e "piantato" l'avantreno della moto, ovviamente la maneggevolezza non e' quella di una trial!
Per farla breve, la Ktm Free Ride 350 e' un enduro in miniatura, una moto "amichevole" adattissima a chi vuole continuare ad endurare senza portarsi dietro pesi, altezze sella ed ingombri delle moto da enduro-gara, una moto adatta a "giocare" nei sentieri piu' scorrevoli, dove si puo' andare a cercare la sponda per curvare o l'avvallamento del terreno o la canaletta per staccare le ruote da terra, e senza farlo necessariamente ai settanta orari, diciamo che con la Free Ride si puo' continuare a giocare anche se la carta d'identita' non e' piu' d'accordo!
 
La sintesi:





































« Ultima modifica: 21 Maggio 2012, 09:06:05 da Lamberto »

Offline alex

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 29632
  • Quartier del Piave (TV)
    • Mostra profilo
Re: Prova della Free Ride 2012
« Risposta #1 il: 20 Maggio 2012, 20:26:53 »
il paradisco anteriore è optional? Non l'ho visto su nessuna delle FR sbirciate dal vivo.
come mai Sergio segna un "sufficiente" alla sensazione di lmaneggevolezza?
E ancora: avete provato a spremerla un po' in linea?

Non avevo notato che il manubrio fosse tanto brutto. Che fosse stretto l'ho pensato anche io, uno di altezza normale si dà i gomiti nelle costole a ogni scodata.
Aprilia SL1000 Falco "Zia Frankenstein"

Offline Lamberto

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 7448
    • Mostra profilo
Re: Prova della Free Ride 2012
« Risposta #2 il: 20 Maggio 2012, 20:49:06 »
La maneggevolezza e la sensazione di leggerezza a mio avviso sono condizionate dal manubrio stretto soprattutto la maneggevolezza.
Poi c'è da dire che eravamo appena scesi dalla Explorer ed in parte la cosa può condizionare.
Non ho avuto modo di provarla sul veloce, giusto un rettilineo di circa 200 mt., spremerla non se ne parlava la moto aveva 10 ore di
lavoro e onestamente fare un torto ad Aldo è l'ultima cosa che farei.

Offline Guidolavespa

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1303
  • Endurista lento delle valli pinerolesi
    • Mostra profilo
Re: Prova della Free Ride 2012
« Risposta #3 il: 20 Maggio 2012, 21:03:29 »
ma... ha rimesso la leva della frizione normale??? il nastro nero sotto al telaio l'ha messo Aldo? io cambierei anche la gomma dietro, anche se forse si snatura un po' il progetto...
PRODUCI CONSUMA CREPA

ssskid

  • Visitatore
Re: Prova della Free Ride 2012
« Risposta #4 il: 20 Maggio 2012, 21:05:23 »
La maneggevolezza e la sensazione di leggerezza a mio avviso sono condizionate dal manubrio stretto soprattutto la maneggevolezza.
Poi c'è da dire che eravamo appena scesi dalla Explorer ed in parte la cosa può condizionare.
Non ho avuto modo di provarla sul veloce, giusto un rettilineo di circa 200 mt., spremerla non se ne parlava la moto aveva 10 ore di
lavoro e onestamente fare un torto ad Aldo è l'ultima cosa che farei.
ciao lamberto, la moto è in allestimento originale o con alcune modifiche, se puoi dirlo.........

Offline Valchisun

  • Moderatori
  • Hero Member
  • *
  • Post: 30083
    • Mostra profilo
Re: Prova della Free Ride 2012
« Risposta #5 il: 20 Maggio 2012, 21:24:24 »
La moto e' tutta originale,ha soltanto sostituito il copertone anteriore da trial di serie con una Dunllop Geomax da enduro gara e basta non gli ha ancora nemmeno montato lo switch delle due mappature e non gli e' ancora arrivato nemmeno il paracoppa aftermarket in metallo, bellissimo comunque il nasto adesivo che ripara il telaio..... sm415

Ktm Super Duke 1290 R

Offline Lamberto

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 7448
    • Mostra profilo
Re: Prova della Free Ride 2012
« Risposta #6 il: 20 Maggio 2012, 21:25:17 »
La moto è originale, l'unica cosa è che hanno lavorato sulla frizione per alcuni problemi.

Offline Guidolavespa

  • Hero Member
  • *****
  • Post: 1303
  • Endurista lento delle valli pinerolesi
    • Mostra profilo
Re: Prova della Free Ride 2012
« Risposta #7 il: 20 Maggio 2012, 21:33:20 »
La maneggevolezza e la sensazione di leggerezza a mio avviso sono condizionate dal manubrio stretto soprattutto la maneggevolezza.
Poi c'è da dire che eravamo appena scesi dalla Explorer ed in parte la cosa può condizionare.
Non ho avuto modo di provarla sul veloce, giusto un rettilineo di circa 200 mt., spremerla non se ne parlava la moto aveva 10 ore di
lavoro e onestamente fare un torto ad Aldo è l'ultima cosa che farei.
ciao lamberto, la moto è in allestimento originale o con alcune modifiche, se puoi dirlo.........
la leva antirottura orange del freno anteriore è aftermarket...
PRODUCI CONSUMA CREPA

ssskid

  • Visitatore
Re: Prova della Free Ride 2012
« Risposta #8 il: 20 Maggio 2012, 21:58:53 »
e ha mantenuto anche strozzature, tappi, .......

Offline Valchisun

  • Moderatori
  • Hero Member
  • *
  • Post: 30083
    • Mostra profilo
Re: Prova della Free Ride 2012
« Risposta #9 il: 20 Maggio 2012, 22:11:39 »
Ma c'e' ancora qualcuno che crede che le moto da fuoristada (TUTTE) siano ancora utlizzabili con le strozzature montate?Quando sui libretto di uso e manutenzione di alcune case motociclistiche si dice chiaramente che la moto utilizzata con le strozzature montate va' incontro a gravi danni meccanici?Si chiama "vivere nel mondo della luna"! :siga:

Ktm Super Duke 1290 R

kappa

  • Visitatore
Re: Prova della Free Ride 2012
« Risposta #10 il: 20 Maggio 2012, 23:58:38 »
 sm419 ai nostri tester

Concordo che il motore della Freeride è il suo pezzo forte, per il resto l'altezza sella che personalmente mi penalizza e soprattutto il 
prezzo di acquisto e di manutenzione, trattandosi di motore a 4t, la rendono poco appetibile da parte di coloro che cercano una
alternativa alle moto racing enduro/trial.

ssskid

  • Visitatore
Re: Prova della Free Ride 2012
« Risposta #11 il: 21 Maggio 2012, 00:12:44 »
Ma c'e' ancora qualcuno che crede che le moto da fuoristada (TUTTE) siano ancora utlizzabili con le strozzature montate?Quando sui libretto di uso e manutenzione di alcune case motociclistiche si dice chiaramente che la moto utilizzata con le strozzature montate va' incontro a gravi danni meccanici?Si chiama "vivere nel mondo della luna"! :siga:
infatti, l'ho domandato perchè scorrendo un'altro forum, a uno che ha acquistasto una freeride e che fa anche una descrizione della sua prova, viene chiesto se aveva provveduto a togliere le strozzature e lui dice di non aver toccato nulla, che sia un selenita? o si dice lunestre.......o lunatico..... sm17   :siga: anche da parte mia  sm440

Offline Valchisun

  • Moderatori
  • Hero Member
  • *
  • Post: 30083
    • Mostra profilo
Re: Prova della Free Ride 2012
« Risposta #12 il: 21 Maggio 2012, 00:31:07 »
Per Kappa: ci sono gia' degli acquirenti della Free Ride che l'hanno gia' messa in vendita, quindi la puoi gia' trovare come usato, ce n'e' una che ha soltanto 4 ore di utilizzo e il proprietario vuole prendersi una moto da trial al posto! :PDT_Armataz_01_37: sm409

Ktm Super Duke 1290 R

gianni

  • Visitatore
Re: Prova della KTM Free Ride 2012
« Risposta #13 il: 21 Maggio 2012, 16:52:32 »
questa moto più la guardo...e più mi piace!  :baci:

...spero di incrociare qualche volta Aldo per poterla provare  :93:

...tanto anche se dovesse piacermi posso solo permettermi di rubarla!   :hee20hee20hee:

Offline alex

  • Global Moderator
  • Hero Member
  • *****
  • Post: 29632
  • Quartier del Piave (TV)
    • Mostra profilo
Re: Prova della KTM Free Ride 2012
« Risposta #14 il: 21 Maggio 2012, 16:57:23 »
anche a me piace da matti, e faccio pellegrinaggi al concessionario per guardarla. Per la mia stazza ha ancora dimensioni accettabili, peccato che mi manchi la "sostanza" per poter fare l'acquisto.... leggi "dindi"  :73:
Aprilia SL1000 Falco "Zia Frankenstein"